CHIAMA 0761799801 OPPUREPRENOTA IL TUO TAVOLO ORA

Eventi

Bolsena, 22 Giugno 2014 – Infiorata e festa del Corpus Domini

Data Inizio: 22 giugno 2014
Orari: 00:00 - 23:59

corpus_domini_bolsena_infiorata_2014La tradizionale Infiorata che ogni anno si ripete a Bolsena in occasione della Festa del Corpus Domini è legata all’evento che ha reso celebre Bolsena nel mondo: Il Miracolo dell’Eucarestia, ricordato e venerato come il prodigio eucaristico per eccellenza, avvenuto nel 1263 nella Basilica di Santa Cristina.

Il Corpus Domini

La storia ci parla di un sacerdote boemo, Pietro da Praga, il quale in quel tempo di controversie teologiche sul mistero eucaristico fu assalito da dubbi sulla reale presenza di Cristo nel pane e nel vino consacrato. Per ritrovare certezze, decise di intraprendere un lungo pellegrinaggio alla volta di Roma per pregare sulla tomba di San Pietro.

Dopo aver pregato sulla tomba di San Pietro, rinfrancato nello spirito riprese il viaggio di ritorno verso la sua terra. Lungo la via Cassia, si fermò a dormire a Bolsena nei pressi del chiesa di Santa Cristina e il mattino seguente, chiese di celebrare la S. Messa. Durante la celebrazione, dopo la consacrazione, alla frazione dell’Ostia, apparve ai suoi occhi un prodigio al quale da principio non voleva credere. Quell’Ostia che teneva tra le mani era diventata carne da cui stillava miracolosamente abbondante sangue. Impaurito e nello stesso tempo pieno di gioia cercò di nascondere ai rari presenti quello che stava avvenendo: concluse la celebrazione, avvolse tutto nel candido corporale di lino usato per la purificazione del calice che si macchiò immediatamente di sangue e fuggì verso la sagrestia. Ma durante il tragitto alcune gocce di sangue caddero sul pavimento tradendo la segretezza del prodigio.

Nel 1264, papa Urbano IV, spinto da questo avvenimento, emanò da Orvieto la “Bolla Transiturus” con la quale estese a tutta la cristianità la Festa del Corpus Domini. La prima solenne processione di detta Festa si ebbe proprio in Orvieto quell’anno.

Tra mille controversie di carattere religioso si arriva al 1811, (la chiesa era in mano ai francesi),  quando un rappresentante del clero locale, padre Francesco Cozza, fece estrarre uno dei marmi del Miracolo dalla grotta di Santa Cristina e lo inserì in una teca di cristallo con anche l’ostia consacrata. Il 16 giugno dello stesso anno la teca fu condotta in solenne processione, tra la gente esultante, su un percorso completamente ricoperto di fiori.

Da allora, ogni anno, Bolsena celebra solennemente con l’Infiorata, la festa del Corpus Domini.

L’Infiorata

La tradizionale Infiorata è composta da  laboriosi disegni artistici floreali  egregiamente ideati e realizzati da cittadini, distinti in gruppi di “Infioratori”. Gli abitanti di Bolsena,  giorni prima iniziano la raccolta e la preparazione dei fiori : ginestre, fiordalisi , acacia, papaveri, rose, “fojone”, veccia, ortensie, calendule, garofani, margherite, ecc. Per alcune specie più pregiate la raccolta viene fatta alle prime luci dell’alba dello stesso giorno della festa.

I disegni rappresentano scene, simboli, figure geometriche,  ed immagini  liberamente tratte da dipinti famosi.  La tecnica di realizzazione consiste nell’eseguire il disegno su carta (bozzetto) o direttamente sul lastricato; successivamente coprire i contorni del disegno  con un impasto di segatura tinta (con ossido nero), con  la torba o fondi di caffè; deporre  i petali dei fiori  negli spazi del  disegno, solitamente posizionandoli  “petalo su petalo” e mantenerli umidi bagnandoli frequentemente con acqua .

Ancora oggi i Bolsenesi ricoprono il percorso, di circa tre chilometri, con un tappeto continuo di fiori raccolti nelle campagne circostanti dalla popolazione che spontaneamente fa a gara per arricchire di magnifici petali colorati il passaggio del SS Sacramento.

Il giorno della Festa del Corpus Domini  Bolsena si veste di un tappeto di fiori  che  affascina e mostra le tradizioni più vere: quelle tramandate da  oltre 200 anni di Infiorate del Corpus Domini.